Cerimonia delle Candele nel Distretto Nord Est: luci di pace e condivisione

febbraio 11 | Posted by NORDEST | Attività Sezioni, Cerimonia delle Candele, Comunicazioni

Sabato 10 Febbraio 2018, al Circolo Unificato dell’Esercito di Castelvecchio, si è svolta la Cerimonia delle Candele organizzata dal Distretto Nord-Est con la collaborazione delle Sezioni Verona Centro e Verona Est. Hanno partecipato la Presidente Nazionale Caterina Mazzella, la Presidente di Sezione Anna Giovannoni, la Presidente Distrettuale Marta Lanzarotti e tutto il Comitato di presidenza distrettuale. La Cerimonia delle Candele segna un’importante tradizione all’interno della Federazione Fidapa, che ha origine nell’inverno del 1942: ogni candela accesa rappresentava una nazione nel mondo, che veniva poi spenta quando questa entrava in guerra. Le rimanenti, accese, rappresentavano la speranza e la Pace in sostegno alle altre nazioni. Oggi, la Cerimonia rappresenta un momento di incontro per tutte le socie del Distretto, riunite come simbolo di unione, solidarietà e comunanza, i punti cardine che stanno alla base dell’ “essere Fidapa” come socia all’interno dell’Associazione. Come affermato dalla Presidente Nazionale Caterina Mazzella, nel suo discorso di apertura, «Accendendo quelle candele noi siamo vicine negli intenti a tutte le donne nel mondo, anche per colore che ancora oggi non hanno voce, ce ne sono tante».
Sono tanti, però, i punti messi in luce dalla Presidente Nazionale che, con grande orgoglio, ha poi portato un messaggio della presidente Internazionale onorandola come “The Biggest Federation”, come simbolo della presenza e importanza della BPW Italy all’interno di Fidapa. « E’ un orgoglio che mi piace trasmettere e lo dovete sentire anche voi che siete un tassello importante a prescindere dalla carica che si ricopre. La carica passa dopo un biennio, ma l’importante è essere socia, consapevole e responsabile per favorire la crescita e l’affermazione della nostra associazione» ha detto, facendo inoltre riferimento all’importanza della qualità che devono avere le azioni all’interno dell’Associazione.
All’evento era presente, inoltre, anche Giorgio Ricci, figlio di Livia Ricci (Past-President Internazione BPW), che ha omaggiato la presidente Nazionale con una delle opere di Livia che rappresenta le donne che hanno fatto la storia di Fidapa. Si ricorda, inoltre, che a Maggio è stata allestita una mostra, “Il talento di Livia”, il cui ricavato è stato devoluto come “Premio Fidapa Livia Ricci” ad una studentessa di Scienze Infermieristiche per la sua tesi di laurea.
Dopo il pranzo, si è tenuto un concerto che ha visto la presenza di Gianfranco Martinelli (ha studiato fagotto presso il conservatorio di Bergamo, diplomandosi a Parma nel 1985. Dal 1983 collabora con alcune delle più importanti orchestre italiane e, dal 1994, suona fagotto per la Fondazione Arena), Ilaria Loatelli (pianista solista, socia Fidapa, ha studiato presso l’Accademia Nazionale di Roma, si è distinta nel panorama nazionale e internazionale partecipando anche con l’orchestra Arena di Verona, insegna ed è direttrice artistica dell’Academy Music School di Verona) ed Eugenia Solegaroli (ha iniziato gli studi musicali al Conservatorio Paganini di Genova per poi diplomarsi nel 1981 al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, entrando lo stesso anno a far parte dell’Orchestra della Fondazione Arena fino al 2014. E’ stata titolare della cattedra di flauto al Conservatorio di Brescia e Trento).
Tra gli eventi importanti da ricordare, la Presidente Nazionale ha poi menzionato l’ Open-Day Fidapa, organizzato per l’8 Maggio 2018, come occasione per trasmettere le attività e le iniziative della Federazione nei suoi quasi 90 anni di storia. Un evento per conoscere ed avvicinarsi ad una Associazione che ha come scopo quello di, come poi afferma la Presidente Nazionale, «Fare rete, non chiuderci ma essere sempre più aperti al territorio, alla società e tutte le innovazioni che essa ci chiede».

Serena Mazzurana, Referente per la Comunicazione della Sezione di Verona Centro

Il giorno 19 febbraio 2018

Alcuni momenti della Cerimonia

Numerose le ospiti, tra cui l’Assessore alla Cultura e Pari Opportunità del Comune di Verona, Avv. Francesca Briani. La socia della Sezione di Verona Centro, Lina Chiaffoni, che ha introdotto Telethon in Fidapa e in molte scuole già in anni lontani, saluta tutte le presenti dichiarandosi compiaciuta nel vedere tanta comunanza di sentimenti e di amicizia. 

La presidente distrettuale Marta Lanzarotti  apre la manifestazione porgendo il saluto alle Autorità Fidapa : Presidente Nazionale Caterina Mazzella, Revisore dei Conti Nazionale Adriana Valgoglio, Comitato di Presidenza distrettuale: Maria Pina Maglione, Laura Zamperlin e Norma Faggetti, Revisori dei Conti distrettuali Carla Castellucci, Michela Allegro, Maria Grazia Bartolomei, e alle Autorità istituzionali:  Teresa INGLESE , in rappresentanza  del Prefetto Dott. Salvatore Mulas, Ferrari Nicoletta – Componente la CPO  Regione Veneto, Turati Laura, Coordinatrice della Fondazione M. Bellisario a Verona Zenati Silvia, presidente Soroptimist di Verona,  Fermanti Gabriella, Presidente della Consulta delle Associazioni femminili di VERONA Elena Traverso, Presidente della Commissione Pari opportunità della Regione Veneto. Si ascoltano con sentita partecipazione gli Inni nazionale, Europeo e Fidapa. 

Intervento della Presidente distrettuale:“ Il Distretto Nord Est si appresta a  vivere un momento di gioia condivisa e  di impegno associativo. Ancora una volta ci troviamo unite per celebrare la nostra festa annuale con l’accensione delle candele. La Cerimonia delle Candele è un rito che abbiamo mutuato dalla  Federazione Internazionale Business and Professional Women, a cui la nostra Federazione appartiene dal 1930. Ci fa sentire ogni anno in questo periodo ancor più vicine alle donne delle Federazioni e dei clubs affiliati. Io vorrei insieme a Voi ricordare l’inverno del 1942.  In questo un momento tragico della storia dell’Europa e del mondo, la Presidente fondatrice della BPW, Léna Madesin Phillips, riferendosi ad uno degli obiettivi che aveva fissato per orientare l’azione della nostra federazione, cioè “stabilire dei legami di amicizia con le donne di tutto il mondo”, e convinta che una partecipazione più attiva delle donne alle decisioni sarebbe stato una garanzia di pace, volle creare un simbolo concreto, riferito al suo pensiero. Per questo istituì nei giorni più cupi della seconda guerra mondiale la Cerimonia delle Luci.  Questo Evento, che si ripete ogni anno, potrebbe ribattezzarsi come il  Giorno della Conferma di ogni Socia nel Credo associativo, lo stesso credo in nome del quale la Prof.ssa Maria Castellani, nel condividere ideali ed attività della Dott.ssa Lena Madesin Phillips, assunse per prima  la guida della Fidapa. Furono gli stessi ideali che spinsero la Dott.ssa Ines Insabato Joli  a riprendere in mano, nel 1945, le redini della nostra Federazione,  dopo la forzata interruzione del 1940, per motivi bellici.  A Loro va il nostro pensiero riconoscente. “ 

La Presidente Nazionale Caterina Mazzella, nel suo discorso di saluto ritiene una decisione ricca di suggestioni e di significati la  Cerimonia delle Candele a Verona dove le socie del Distretto  Nord Est sono convenute   numerose all’ incontro che rinsalda la loro amicizia e il sentimento di appartenenza all’Associazione. Ringrazia tutte coloro che hanno contribuito alla riuscita della Cerimonia, soprattutto le Presidenti delle Sezioni ospiti, Verona Centro e Verona Est, Anna Giovannoni e Cecilia Residori. Un particolare ringraziamento alla Presidente distrettuale Marta Lanzarotti,  che  ha assecondato e diretto l’iniziativa con garbo ed efficienza. La Cerimonia delle Candele è uno speciale omaggio ad una delle organizzazioni  più influenti, la Federation of Business and Professional Women, a cui la F.I.D.A.P.A. BPW ITALY  è affiliata, che unisce donne di tutto il mondo. Anche se le sue Socie parlano molte lingue e vivono in Paesi con tradizioni diverse, tutte loro condividono la stessa comunione di intenti. La BPW è stata fondata più di 80 anni fa negli Stati Uniti d’America dalla Dr.ssa Lena Madesin Phillips la quale, pochi anni dopo, ha concepito l’idea della Cerimonia delle Candele.

Le candele simboleggiano le ambizioni e gli sforzi delle donne impegnate nell’Associazione, in ogni paese del mondo, per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: lavorare affinché le donne ottengano indipendenza economica, pari opportunità e rappresentatività nella vita economica, civile e politicaincoraggiare e sostenere le donne e le ragazze a sviluppare il proprio potenziale professionale e di leadership, impegnarsi nell’istruzione e nella formazione permanente; usare le proprie capacità per il bene degli altri, a livello locale, nazionale e internazionale; fare advocacy per l’eliminazione delle discriminazioni contro le donne, per i diritti umani e per l’adozione di prospettive di genere; favorire reti di lavoro e cooperazione fra donne d’affari e professioniste, progetti non-profit che aiutino le donne ad ottenere l’indipendenza economica, la presentazione del punto di vista delle donne imprenditrici e professioniste alle Organizzazioni e alle Agenzie internazionali, alle Agenzie di affari, ai Governi e alla società civile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREGHIERA INTERNAZIONALE

Allontana da noi, Signore, ogni meschinità; aiutaci ad essere magnanime in pensieri, parole e azioni.

Aiutaci a non essere critiche ed egoiste.

Aiutaci ad abbandonare le nostre pretese e a incontrarci a viso aperto, senza vittimismi e senza pregiudizi.

Aiutaci a trovare tempo per ogni cosa: rendici calme, serene e gentili.

Insegnaci a tradurre in azione le nostre migliori iniziative onestamente e senza paura.

Aiutaci a comprendere che sono le piccole cose a creare le differenze; che nelle grandi cose della vita siamo unite.

Dacci la forza di arrivare a toccare e conoscere il grande cuore umano che noi tutte abbiamo in comune.

E, Signore, aiutaci a non dimenticare mai di essere generose.

 

La Presidente distrettuale passa la parola alla Presidente nazionale Caterina Mazzella per le conclusioni

La Presidente distrettuale chiude la Cerimonia con qualche parola di ringraziamento.