Incontro distrettuale al Castello Bevilacqua

gennaio 22 | Posted by NORDEST | Attività Distretto, Cerimonia delle Candele, Convegni Distrettuali, Seminari Tags: , , , ,

LOCANDINA CONVEGNO BEVILACQUA-page-001 (2)Nella cornice di uno storico maniero, il Castello Bevilacqua, posto tra Montagnana e Legnago, si terrà il 4 febbraio prossimo il Convegno distrettuale “Formazione e innovazione nell’impresa femminile”. Il Castello è una dimora storica risalente al 1336, quando iniziarono i lavori di costruzione voluti dal primo proprietario  Guglielmo I Bevilacqua. Per  intervento dell’architetto Michele Sanmicheli  nel 1532 il castello fu trasformato in dimora nobiliare, ma nel 1848 Il Castello Bevilacqua divenne la sede di un gruppo di patrioti padovani che decisero di insorgere contro gli austriaci. Questi assediarono il castello,  lo presero e lo incendiarono. Fu subito ricostruito per volontà della contessa Felicita Bevilacqua, sposata al siciliano Giuseppe La Masa,  e alla sua morte passò alla prestigiosa fondazione Bevilacqua – La Masa. Ma le sue sventure non erano finite. Occupato dai tedeschi nell’ultima guerra mondiale, fu poi trasformato in asilo d’infanzia, ed ancora le fiamme ebbero la meglio. I nuovi proprietari lo restaurarono ed ora è adibito ad hotel di charme.  La realizzazione del giardino pensile fu affidata a Sanmicheli . Completato nel 1532, il giardino ospita attualmente una grande varietà di alberi e fiori, due pozzi (uno di questi era usato come via di fuga in casi di emergenza) e una fontana medievale. Il giardino pensile del Castello Bevilacqua è considerato, ad oggi, uno tra i cinque più grandi d’Europa . 

Scopo del Convegno evidenziare il ruolo della donna nell’economia, ormai pienamente riconosciuto anche  a  livello internazionale dalle più importanti istituzioni socio-economiche,  come  una delle leve per dare più spessore allo sviluppo economico.
La parità di genere è stato un cambiamento che ha profondamente inciso sulla storia economica del nostro Paese: a partire dal secondo dopoguerra si è passati da un capitalismo industriale a forte connotazione maschile, all’ingresso graduale del genere femminile nel sistema economico.
Una gradualità crescente, che dai primi impieghi delle donne, di più bassa qualifica, è arrivata oggi all’ingresso a pieno titolo del genere femminile come parte attiva e determinante nel tessuto imprenditoriale italiano. Nel 2014 la presenza di imprese femminili in Italia era di 1,3 milioni, che rappresentavano il 21,6% del totale delle imprese, come a dire che un’impresa su 5 è rosa.

 Il sistema imprenditoriale nazionale, nonostante la fase di congiuntura economica, è riuscito lievemente a crescere dello 0,2% grazie soprattutto alla nascita di numerose imprese femminili che sono  riuscite a controbilanciare la flessione delle imprese maschili. Altro dato rilevante riguarda la capacità occupazionale generata dalle imprese femminili.
Nel 2014, l’impatto occupazionale generato era di 3 milioni di occupati, circa il 13,4% dell’occupazione nazionale complessiva. Si tratta di un valore di assoluto rilievo se si pensa alla situazione critica in cui si trova il mercato del lavoro. A fronte di ciò, quindi, il valore e le potenzialità delle donne d’impresa devono diventare un punto di riferimento per lo sviluppo economico del nostro Paese. Le  Pmi in Italia si riducono di numero; tuttavia quelle a “trazione femminile” sembrano resistere meglio di quelle guidate dagli uomini, e la loro quota supera il 30%. Secondo il rapporto presentato nella scorsa edizione del Forum, le donne sono più etiche, oneste e rappresentano la risorsa vincente per uscire dalla crisi. 

Il “Creativity Camp” è un’attività che rientra nel programma del presente biennio della FIDAPA. A fine 2015 è stata infatti costituita la “task force Entrepreneurship”guidata da Anna Amati, vicepresidente di Meta Group,  con l’obiettivo generale di promuovere la capacità imprenditoriale delle socie al fine di creare le condizioni di benessere e sviluppo economico necessarie per i territori, di facilitare lo scambio e le conoscenze tra le imprenditrici esistenti e le nuove, di coinvolgere stakeholder nazionali interessati e capaci di accelerare tali processi, di raccogliere la giusta finanza necessaria. L’obiettivo principale dell’iniziativa è quello di sostenere ed incentivare lo sviluppo continuo dell’imprenditorialità femminile, attraverso una competizione che vada a premiare le storie e le idee di successo in modo che possano essere da esempio per altre aspiranti imprenditrici. Gli obiettivi specifici riguardano il rafforzamento e l’ampliamento della FIDAPA in termini di presenza di donne imprenditrici.(i.c.b.)

  castello BEVILACQUA400x400 (1)Programma 4 febbraio 2017

ore 09.30 accoglienza partecipanti

ore 10.00 -13.00 Convegno “Formazione e innovazione nell’impresa femminile”

ore 13.30 – 14.30 buffet

14.30 – 15.00 Cerimonia delle Candele

15.15 – 17.00 Workshop : Task Force Entrepreneuship, Comitato ad Hoc Comunicazione, Mentoring, Commissione Legislazione 

ore 17.00 – 17.30 Le Young incontrano la Presidente Nazionale Pia Petrucci

Aperitivo e Cena Castellana

http://fidapa.org/index.php/news/comunicazioni-del-comitato-di-presidenza/notizie-dai-distretti/428-formazione-e-innovazione-nell-impresa-femminile

scansione tempi 

Tags: , , , ,