Nuovo Cerimoniale – Vademecum FIDAPA BPW ITALY

ottobre 24 | Posted by NORDEST | Attività Distretto

FIDAPA BPW ITALY
CERIMONIALE – VADEMECUM
approvato dal Consiglio Nazionale biennio 2017-19

Il rispetto dei ruoli e delle regole costituisce la premessa indispensabile per un corretto ed armonico svolgimento della vita associativa.
1. Portiamo sempre con orgoglio il distintivo della FIDAPA BPW Italy. E’ il simbolo che ci contraddistingue, è il nostro inconfondibile segno di riconoscimento, dimostra il nostro orgoglio di appartenenza.

Gli inviti delle Sezioni

1. Le cariche da riportare negli inviti sono quelle del biennio in corso. Il titolo di Past è solo delle Presidenti nazionali e delle immediate Presidenti distrettuali e di Sezione. Infatti , alla conclusione del biennio sociale, chi ha rivestito una carica rimane Socia.

2. Negli inviti / brochure la presenza delle Autorità della Federazione, sia a livello Nazionale che Distrettuale deve essere distinta da quella delle Autorità civili, militari e religiose con rispetto dei vari gradi delle cariche : in ordine, Nazionale, Distrettuale e di Sezione (esempio: sarà presente la Presidente Nazionale, la Presidente Distrettuale. Saranno anche presenti : Sindaco….Prefetto…Assessore …. ). Una speciale menzione va fatta per le cariche Europee ed Internazionali elette, se presenti.

3. Gli inviti alle Componenti del Comitato di Presidenza Nazionale vanno rivolti, in prima battuta, alla Presidente Nazionale la quale, in caso di impossibilità a partecipare, può delegare o dare incarico alla Vice Presidente o altra componente del Comitato di presidenza, privilegiando la vicinanza territoriale.

4. Gli inviti alle Componenti del Comitato di Presidenza Distrettuale vanno rivolti, in prima battuta, alla Presidente Distrettuale la quale, in caso di impossibilità a partecipare, può delegare o dare incarico alla Vice Presidente o altra componente del Comitato di presidenza, privilegiando la vicinanza territoriale.

5. Il Tema nazionale è di competenza della Vice Presidente nazionale e il Tema Internazionale della Past Presidente nazionale. Pertanto, nell’organizzare eventi su questi due temi, le Sezioni potranno coinvolgere queste due cariche, previa comunicazione alle figure omologhe distrettuali e alle Presidenti Distrettuali.

6. La Sezione, che invita, deve sostenere le spese di ospitalità, restando a carico della cassa nazionale o della cassa distrettuale solo le spese di viaggio delle persone espressamente autorizzate dalla Presidente Nazionale o Distrettuale (Art. 2 del Regolamento).

Le manifestazioni delle Sezioni

1. Ai Tavoli di Presidenza, la Presidente di Sezione siede al centro: alla sua destra siede l’autorità della Federazione FIDAPA Nazionale più alta in grado presente e a seguire l’autorità distrettuale più alta in grado presente. Alla sua sinistra siede l’autorità civile più alta in grado.

2. Nel corso delle cerimonie FIDAPA gli inni che vanno suonati sono quello Italiano (che rappresenta l’appartenenza al territorio Italiano) ,quello Europeo( che rappresenta l’appartenenza alla Federazione Internazionale) e, in chiusura, quello della Fidapa BPW Italy.

3. Nella manifestazione di Sezione prende la parola la Presidente di Sezione e, se presenti, la Presidente distrettuale o una sua delegata ,la Presidente nazionale o una sua delegata e non altre cariche distrettuali e nazionali eventualmente presenti.

In particolare la Presidente di Sezione
o apre la manifestazione porgendo il saluto alle Autorità (vedi punto 4)
o legge i messaggi pervenuti;
o passa la parola alle Autorità della Federazione (Distrettuale, Europeo/ Internazionale elette e Nazionali , se presenti )
o limita al massimo il numero dei saluti e i tempi degli interventi, allo scopo di favorire l’attenzione dei presenti e rispettare i tempi degli incontri.

4. I saluti di benvenuto da parte della Presidente di Sezione vanno rivolti, nell’ordine, alla Presidente Nazionale se presente, alle autorità europee ed internazionali elette se presenti, alle Autorità FIDAPA del Comitato di Presidenza Nazionale se presenti,alle Past Presidenti Nazionali se presenti, poi alle Autorità FIDAPA distrettuali se presenti, alle componenti il Collegio delle Garanti e ai Revisori, se presenti, alla Presidente della Fondazione, se presente, e infine alle Autorità civili religiose e militari.

5. I saluti e i ringraziamenti da parte delle Autorità presenti a una manifestazione vengono rivolti, prima dalle autorità civili, poi dalle autorità FIDAPA Federazione, in ordine crescente: l’ultimo intervento è dell’Autorità FIDAPA Federazione più alta in grado.

6. Le conclusioni delle manifestazioni vanno sempre affidate alla Presidente Nazionale se presente o, in successione, alla carica nazionale o distrettuale più alta in grado presente.

Gli inviti dei Distretti

1. Le cariche da riportare negli inviti sono quelle del biennio in corso. Il titolo di Past è solo delle Presidenti nazionali e delle immediate Presidenti distrettuali e di Sezione. Infatti, alla conclusione del biennio sociale, chi ha rivestito una carica rimane Socia.

2. Negli inviti / brochure la presenza delle Autorità della Federazione, sia a livello Nazionale che Distrettuale deve essere distinta da quella delle Autorità civili, militari e religiose con rispetto dei vari gradi delle cariche : in ordine, Nazionale, Distrettuale e di Sezione (esempio: sarà presente la Presidente Nazionale, la Presidente Distrettuale. Saranno anche presenti : Sindaco….Prefetto…Assessore …. ). Una speciale menzione va fatta per le cariche Europee ed Internazionali elette, se presenti.

3. Gli inviti alle componenti del Comitato di Presidenza Nazionale vanno rivolti, in prima battuta, alla Presidente Nazionale la quale, in caso di impossibilità a partecipare, può delegare o dare incarico alla Vice Presidente o altra componente del Comitato di presidenza, privilegiando la vicinanza territoriale.

4. Il Tema nazionale è di competenza della Vice Presidente nazionale e il Tema Internazionale della Past Presidente nazionale. Pertanto, nell’organizzare eventi distrettuali su questi due temi, queste due cariche devono essere informate e coinvolte.

5. Il Distretto, che invita, deve sostenere le spese di ospitalità, restando a carico della cassa nazionale solo le spese di viaggio delle persone espressamente autorizzate dalla Presidente Nazionale (Art. 2 del Regolamento)

Le manifestazioni dei Distretti

1. Ai Tavoli di Presidenza, la Presidente di Distretto siede al centro: alla sua destra siede l’autorità della Federazione FIDAPA più alta in grado. Alla sua sinistra siede l’autorità civile più alta in grado

2. Nel corso delle cerimonie FIDAPA gli inni che vanno suonati sono quello Italiano (che rappresenta la nostra appartenenza al territorio Italiano) quello Europeo(che rappresenta la nostra appartenenza alla Federazione Internazionale) e, in chiusura, quello della Fidapa BPW Italy.

3. Nella manifestazione di Distretto prende la parola la Presidente di Distretto e, se presente, la Presidente Nazionale o una sua delegata, non altre cariche eventualmente presenti.
In particolare la Presidente di Distretto
o apre la manifestazione porgendo il saluto alle Autorità (vedi punto 4)
o legge i messaggi pervenuti;
o passa la parola alle Autorità della Federazione (Europeo/ Internazionale elette e Nazionali, se presenti )
o limita al massimo il numero dei saluti e i tempi degli interventi, allo scopo di favorire l’attenzione dei presenti e rispettare i tempi degli incontri.

4. I saluti di benvenuto da parte della Presidente di Distretto vanno rivolti, nell’ordine, alla Presidente Nazionale se presente, alle Past Presidenti Nazionali presenti, alle Autorità europee/internazionali eletta, se presenti, alle Autorità FIDAPA del Comitato di Presidenza Nazionale se presenti, poi alle Autorità FIDAPA distrettuali se presenti, alle componenti il Collegio delle Garanti e ai Revisori, se presenti, alla Presidente della Fondazione, se presente, e infine alle Autorità civili religiose e militari.

6. I saluti e i ringraziamenti da parte delle autorità presenti a una manifestazione vengono rivolti, prima dalle autorità civili, poi dalle autorità FIDAPA FEDERAZIONE, in ordine crescente: l’ultimo intervento è dell’Autorità FIDAPA più alta in grado.

5. Le conclusioni delle manifestazioni vanno sempre affidate alla Presidente Nazionale se presente o, in successione, alla carica nazionale o distrettuale più alta in grado, presente.

La Comunicazione

Le Componenti del Comitato di Presidenza Nazionale, Distrettuale e di Sezione comunicano con le Socie attraverso le circolari nazionali, distrettuali e di Sezione.
Le comunicazioni agli Organismi nazionali vanno fatte dalla Presidente di Sezione o dalla Presidente distrettuale.
Le comunicazioni agli Organismi Europei ed Internazionali vanno fatte dalla Presidente Nazionale.
Le comunicazioni ufficiali devono avvenire preferibilmente per via e-mail
Le Socie Fidapa sono tenute a un linguaggio appropriato e moderato nell’uso dei diversi social (fb, gruppi wa, twitter ecc) e mai offensivo nei confronti di altre Socie e della Federazione.

Gruppi di lavoro

I Gruppi di lavoro ed eventuali Task forces o/e Comitati ad hoc collaborano con la Presidente Nazionale, con la quale condividono il loro programma, riferiscono sul lavoro svolto e sugli obiettivi raggiunti.
Le coordinatrici nazionali informano la Presidente Nazionale su iniziative e manifestazioni nei vari Distretti.
Le Componenti distrettuali collaborano con le Coordinatrici Nazionali per lo svolgimento dei programmi nei Distretti, informando e coordinando le attività con le rispettive Presidenti Distrettuali.

Rapporti con la Fondazione Fidapa

Il vigente Regolamento dei Rapporti tra Federazione e Fondazione Fidapa prevede:
– Punto 3 La Presidente della Fondazione informerà la Presidente della Federazione sulle iniziative che la Fondazione intende realizzare con l’eventuale coinvolgimento della Federazione . Qualunque iniziativa della Fondazione che coinvolga la Federazione a livello Nazionale, Distrettuale e di Sezione, deve essere preventivamente approvata dal Consiglio Nazionale della Federazione.
– Punto 4 Analogamente la Presidente della Federazione informerà la Presidente della Fondazione sulle iniziative che la Federazione intende realizzare con l’eventuale coinvolgimento della Fondazione .
– Punto 5 Nel corso dell’anno i rapporti tra le due Organizzazioni possono essere tenuti esclusivamente dalle rispettive Presidenti.

Nel rispetto di tale regolamento :
I rapporti tra Federazione e Fondazione devono essere tenuti esclusivamente dalla Presidente Nazionale della Federazione e dalla Presidente della Fondazione.
La Sezione e il Distretto non possono coinvolgere autonomamente la Fondazione, per eventuali iniziative . Le eventuali proposte devono essere portate dalle Presidenti distrettuali in seno al Consiglio nazionale che deciderà se attuarle o meno, nell’ambito della programmazione di competenza.
Le spese per gli eventi approvati, come prevede il richiamato Regolamento, sono a carico della Federazione, a livello di Sezione, Distrettuale e Nazionale, a seconda dell’organizzatore dell’evento.
Le Sezioni non devono rivolgersi direttamente alla Fondazione per chiedere contributi ; le richieste vanno inviate alla Presidente nazionale della Federazione, per il tramite della Presidente Distrettuale. Il Consiglio nazionale valuterà l’eventuale inoltro della richiesta di contributo alla Fondazione se l’evento cui si riferisce rientra nella programmazione approvata .

A Tutte auguro buon lavoro
La Presidente Nazionale
Caterina Mazzella