Sezione di San Donà di Piave

Corso Silvio Trentin

San Donà di Piave – Corso Silvio Trentin

 Visualizza: San Donà di Piave – Cenni storici

Cariche sociali biennio 2013-2015

COMITATO DI PRESIDENZA

Presidente:   Katiuscia Specchio

Past-President:  Leonilde Collauto

Vice-Presidente:  Maria Migliore

Segretaria:  Immacolata Corniello

Tesoriera:  Maria Teresa Galassini

CONSIGLIERE: Diana Battistella, Carla Dal Bo, Gabriela Mauro, Piera Milani, Maria Rosa Pavan, Anne Rothenthaler; Lorenza Storto, Carla Veronese.

REVISORI DEI CONTI: Franca Borgato, Ornella Fulloni, Rita Giacometti.

Cerimoniera: Nadia Nardellotto.

 

CORRISPONDENTI DI SEZIONE DELLE COMMISSIONI NAZIONALI:

Arte e Cultura: Maria Rosa Pavan

Ambiente e Turismo: Piera Milani

Progetti: Carla Veronese

P.R. e Rapporti Stampa: Carla Dal Bo

Affari, Commercio e Teconologia: Diana Battistella

Sviluppo, Formazione e Impiego: Gabriella Mauro

Donne, Pari Opportunità e Politiche Sociali: Lorenza Storto

Rapporti con la BPW International e con il CCE: Anne Rothenthaler

Storia della Sezione

La Sezione è stata fondata il  26 giugno 1997 da Ida Castagna Bressan con il contributo di alcune amiche, divenute socie fondatrici. Proselitista e Madrina della sezione  Maria Antonietta Rizzi, Presidente Distrettuale Nord Est biennio 1995/1997, socia della Sezione di Venezia. In questi sedici anni la Sezione ha mantenuto costante il numero delle socie, che hanno reso possibile con il loro impegno un rapporto costruttivo con l’Amministrazione Comunale, le Istituzioni Scolastiche e l’Associazionismo. Ma vivace e partecipativo anche il legame con la Federazione nazionale e soprattutto con il Distretto Nord Est, con l’elezione a Segretaria distrettuale e successivamente a Presidente distrettuale della socia Ida Bressan, e a consigliera della past presidente  Leonilde Collauto. Numerose socie hanno ricoperto incarichi soprattutto nelle Commissioni nazionali: Cristina Simionato (Commissione Igiene e Sanità), Ida Castagna Bressan (Commissione Legislazione, Progetti, Pubbliche Relazioni e Stampa, Arte e Cultura), Anne Rothenthaler (Commissione Rapporti con la BPW), Maria Teresa Portale (Revisore dei Conti distrettuale e Commissione Agricoltura), Chiara Polita, vincitrice del Premio BPW La Spezia CUP 2008, messo in pallio dalle Presidenti della BPW Europa per evidenziare giovani socie  europee particolarmente distintesi per curriculum eccellente. La Sezione ha inoltre dimostrato nel corso degli anni di collaborare con l’Associazione facendo propri gli scopi statutari,  valorizzando la professionalità delle socie che hanno dimostrato spirito di appartenenza, mettendo a disposizione le loro competenze in campo scientifico e culturale.

Attività della Sezione

La Sezione di San Donà di Piave è formata da 45 socie in attività o pensionate, in ottemperanza all’art. 4 dello Statuto.  Siamo impegnate a  promuovere il ruolo delle donne nel contesto economico e sociale.  Stiamo lavorando per uno sviluppo più umano e sostenibile, per una uguaglianza professionale tra uomini e donne, per  l’accesso delle donne alle funzioni tradizionalmente riservate agli uomini come dirigenti, imprenditrici, membri dei CdA, ruoli politici. Abbiamo trattato una pluralità di temi: dalle Pari opportunità   all’ evoluzione del   Concetto di Uguaglianza, dai diritti umani ai diritti umani delle donne, all’Educazione alla legalità, alla cittadinanza europea, alla difesa dell’ambiente e al rispetto come valore universale.  Collaboriamo con le Associazioni presenti sul territorio contro la violenza sulle donne, per la difesa dei diritti dell’infanzia, sostenendo le professionalità femminili. Tra le iniziative più interessanti il convegno sul tema “PARITA’ E PARI OPPORTUNITA” organizzato come evento di apertura delle attività del club il 15 novembre 1997. Successivamente è stato un susseguirsi di iniziative volte ad approfondire  il problema dei diritti umani delle donne. Ma essere movimento di opinione e di pressione significa cogliere anche altri fermenti, altri mutamenti sociali,  e darne  una lettura  il più possibile obiettiva.  Per questo la FIDAPA ha avuto tanto successo tra le donne, perché è sempre stata fin dalla sua origine un’Associazione che ha colto in anticipo i mutamenti rapidi della società italiana, dimostrando anche nella scelta del tema nazionale 1997 – 1999 questa intuizione con “La donna nella realtà del Mediterraneo, Politica Economia Tradizioni.  Il nostro primo convegno su tale argomento ebbe per  titolo “Culture a confronto -  L’ identità femminile nell’ambito della legge coranica e la realtà  della vita delle donne nella famiglia e nella società islamica”-. Ci si interrogò sulle possibilità di una convivenza  tra l’Islam e l’Occidente, considerando le diversità culturali soprattutto nei rapporti all’interno della famiglia. Successivamente affrontammo un argomento ancora poco conosciuto dalla società italiana, l’orrenda pratica delle mutilazioni genitali sulle bambine e sulle giovani donne. Si discusse della necessità di un disegno di legge che ponesse un freno alle mutilazioni che avvenivano già anche nel nostro paese. Sull’argomento delle violenze contro le donne e le bambine ritornammo l’anno seguente con l’ organizzazione di un Corso per preparare Volontarie all’ascolto di donne in difficoltà, che fu frequentato da quaranta donne, più del 60% non socie. Il tema nazionale aveva riservato al nostro distretto Nord Est lo studio delle vicende storiche riguardanti la sponda orientale dell’Adriatico e ad essa abbiamo rivolto lo  sguardo, soprattutto soffermandoci sulle vicende umane che hanno sconvolto alla fine della seconda guerra mondiale  la vita delle donne della  comunità veneto- istriana. Un approfondimento dedicato  a tante di loro giunte profughe a San Donà di Piave senza speranza di ritorno. Abbiamo inoltre valorizzato le  attività lavorative delle socie, offrendo la possibilità di evidenziare alcuni aspetti della loro professionalità. La sezione ha intrattenuto contatti  assidui  con le sezioni del nostro distretto: abbiamo partecipato al seminario distrettuale sull’ immigrazione tenutosi a Udine il  28 maggio 1998, in cui presentammo  una  ricerca sulla consistenza numerica e sulle condizioni di salute degli immigrati nel territorio sandonatese, in un confronto con altre realtà territoriali. Abbiamo allargato i nostro orizzonti con la partecipazione al seminario internazionale organizzato dalla Fondazione FIDAPA sui mezzi di comunicazione al servizio dell’educazione alla legalità tenutosi a Siracusa  nel maggio 1998 e con  il viaggio culturale a Napoli. Fu durante la   presidenza  Bressan che iniziò un progetto denominato “La salute delle donne”, proseguito anche durante i bienni successivi, finalizzato all’approfondimento di alcune patologie  abbastanza ricorrenti tra le donne  e all’informazione sui servizi cha l’Azienda sanitaria locale metteva loro a disposizione. Da ricordare  il lavoro svolto nella Commissione Pari Opportunità comunale e la distribuzione di un  opuscolo informativo sui servizi che la città di San Donà erogava  ai cittadini nell’anno 1998. Questo opuscolo è entrato in molte case e siamo certe che è risultato utile alle  donne per le quali è stato pensato e realizzato.Un’ iniziativa da ricordare nell’ambito del tema Nazionale  “La donna italiana nell’Unione Europea , dalla conoscenza alla progettualità” (1999-2001) è stata la stesura del Progetto Europeo “Noi, donne europee, vogliamo sapere…”, finanziato dalla UE e realizzato dalla Commissione pari Opportunità della Regione del Veneto con la partecipazione della Sezione di San Donà di Piave,  in qualità di partner di progetto. Obiettivo primario  informare e motivare. Obiettivo conseguente è stato contribuire alla formazione di utenti- donne, mettendole in grado di apprezzare e utilizzare appieno le potenzialità e i vantaggi derivanti dalle nuove tecnologie informatiche. Argomento di questo sforzo informativo  l’Europa e le sue attività rivolte alla donna in qualità di cittadina europea.

Lo studio e la conoscenza del nostro territorio, la cui esistenza deriva da una perfetta integrazione tra impegno di risorse umane e naturali, sono stati importanti obiettivi per la nostra sezione e oggetto di riflessioni nell’intento di estendere a tutti i cittadini questa cultura. Il lavoro svolto nell’ambito del tema nazionale 2005-2007 “Donne , ambiente e cultura: risorse economiche per il Paese” ci ha indotto a organizzare il corso “Il Basso Piave, un cantiere di sperimentazione culturale ed ambientale tra acqua e terra. Dall’antichità ai giorni nostri”, realizzato con il contributo della Regione del Veneto e del Comune di San Donà di Piave, progettato e organizzato “con competenza e dedizione dalla nostra socia Chiara Polita, che ne ha predisposto la pubblicazione degli atti” (Cristina Simionato, Presidente di Sezione 2005/2007).

 

Cronologia delle Presidenti della Sezione di San Donà di Piave:

1997/1999:   Ida Castagna Bressan

1999/2001:  Teresa Ormenese Scarpa

2001/2003:  Lidia Torella Franchi

2003/2005:  Immacolata Corniello Vanzo

2005/2007:  Cristina Simionato Montagner

2007/2009:  Chiara Polita

2009/2011:   Maria Migliore Rametta

2011/2013:   Leonilde Collauto

2013/2015:  Katiuscia Specchio

Indirizzo : FIDAPA – BPWITALY – Via Svezia, n. 2 (Casa delle Associazioni)

Link Sezione S. Donà di Piave, ambito sito Distretto: http://www.fidapadistrettonordest.org/tag/san-dona-di-piave/

Sito della Sezione di San Donà di Piave : www.fidapasandonadipiave.it