TEMA NAZIONALE Biennio 2017-2019

“LA CREATIVITA’ FEMMINILE E LA CULTURA DELL’INNOVAZIONE, MOTORI DI DIVERSO SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO. OBIETTIVI E PROGETTI”

Amiche Presidenti e Vicepresidenti
Prima di iniziare il nuovo cammino nel ruolo di Vicepresidente, desidero ringraziarvi per la stima e la fiducia accordatami con il vostro ampio consenso. Consapevole dell’onere che la carica richiede, intendo assolvere al compito affidatomi con responsabilità e competenza professionale ed attuare un programma unitario con le stesse strategie e le stesse finalità miranti ad un lavoro concreto e razionale sul territorio nazionale, condividendo oneri, onori e responsabilità e assicurando un lavoro di gruppo, ed in rete, indispensabile al conseguimento degli obiettivi programmati e perseguibili. Un lavoro che dia molti spunti di riflessione e che permetta di intervenire in modo correttivo o innovativo su parecchi aspetti della società moderna.

Il Tema Nazionale infatti si interfaccia con la drammatica fase di transizione che stiamo vivendo, caratterizzata dalla deriva economica, politica ed antropologica. Una realtà sociale attuale che richiede un cambiamento da gestire attraverso mezzi quali l’innovazione e la creatività, binomio inscindibile poiché il primo monomio dipende dal secondo e viceversa.
L’ innovazione è un fenomeno economico e sociale che coinvolge la collettività, richiede investimenti, infrastrutture politiche dedicate, ha una forte componente progettuale e può essere pianificata risultando così frutto di una strategia specifica imprenditoriale. La creatività è invece un fatto mentale. E’ chiaro che abbiamo bisogno di nuove idee per la soluzione di problemi che incontriamo in ogni momento della nostra vita. Per affrontare questi problemi, che possono essere di una difficoltà sorprendente, dobbiamo formulare nuove ipotesi e congetture; occorre, cioè stimolare la nostra creatività, scatenare la nostra fantasia. La creatività deve essere riconosciuta e gratificata in un mondo che tende invece sempre più all’omologazione.

Metodologia di lavoro – Parola d’ordine: Collaborazione.

Il mio impegno è quello di coordinare lo svolgimento del Tema Nazionale utilizzando sia il contributo fattivo delle Vice Presidenti Distrettuali in rete, sia quello con le Vicepresidenti delle Sezioni che quello delle Responsabili Nazionali delle Task Force e dei Gruppi di lavoro, nel rispetto dei ruoli attraverso l’analisi e la condivisione delle diverse proposte operative, in sinergia con le nostre direttive sul tema ed in sintonia con la programmazione della Presidente Nazionale. Le attività dovranno essere ovviamente rivolte allo studio delle varie tematiche proposte nel tema nazionale, in modo da condividere e, in fondo, costruire insieme un percorso di crescita associativa e sociale; altresì saranno monitorate ed aggiornate in un link del sito. Una metodologia mirata che, dunque, permetta di cogliere le problematiche e le tematiche più attuali che ci rendano più visibili presso le Istituzioni Nazionali ed Internazionali. A tal proposito ritengo opportuno una visione di confronto con il Tema Internazionale in collegamento e in collaborazione con le iniziative affini. Le Sezioni invieranno a me e alle Vicepresidenti dei Distretti brochures ed inviti riguardanti il Tema Nazionale e alla conclusione del primo anno mi verrà trasmesso il report delle attività effettuate.

Strumenti Operativi

1) Lavoro in rete networking

2) Comunicazione ed informazione

3) Risorse interne quali l’avvalersi delle socie, valorizzarne le potenzialità, la loro professionalità, la capacity bulding, tutte proprietà che nutrono la creatività e fanno scoccare la scintilla dell’innovazione. Stavolta il talento delle donne non sarà lo scopo-come nel tema del biennio precedente- ma il mezzo per raggiungere gli scopi!

Obiettivi  

Dobbiamo avere una nuova visione della nostra Associazione ed una nuova coscienza di noi stesse: Ferma restando la lotta per la parità di genere e la violenza tema fondante della nostra Associazione, dobbiamo spingere le nostre iniziative verso campi di più ampio interesse. Per questo oggi gli obiettivi devono essere più ambiziosi.

Di seguito ne riporto un sintetico schema.

1) Valorizzare il ruolo delle donne in termini di professionalità e di idee innovatrici in sinergia con la Programmazione della Presidente Nazionale

2) Lottare contro gli stereotipi comuni circa il ruolo delle donne

3) Attenzione al ruolo della maternità, non limite ma risorsa.

4) Favorire un nuovo modello di sviluppo onde colmare l’enorme gap economico della nostra società

5) Promuovere l’attenzione allo sviluppo dell’essere persona per la coesione sociale, l’inclusione e la competitività nella “Società dei saperi” al fine di bandire la cultura dell’odio e di riattivare quella del Bene Comune contro ogni forma di illegalità e corruzione

6) Riattivare la cultura della pace in un momento storico in cui invece sembra prevalere una tendenza diffusa verso la guerra.

7) Accettare il diverso attraverso la politica dell’accoglienza e l’interculturalismo.

8) Incrementare lo sviluppo della tecnologia nel rispetto di uno sviluppo sostenibile ad impatto zero per salvaguardare l’ambiente e le risorse naturali.

9) Sensibilizzare gli organi nazionali e sovranazionali ad aderire alla conferenza di Parigi 2017 sul clima( la donna diviene anche promotrice della salvaguardia del territorio in cui vive e in cui vivranno i suoi figli).

Linee Programmatiche 

  • Costituzione di un Team Affiatato
  • valorizzazione della Leadership delle donne come motore di sviluppo sociale,economico e politico del nostro paese
  • Formazione/informazione delle socie nelle sezioni, coinvolgendo le scuole, l’Università, le Istituzioni, gli ordini professionali e religiosi.
  • Evoluzione dei bisogni della donna e risposta della rappresentanza professionale
  • Innovazione e sviluppo industriali validi drivers per la crescita e lo sviluppo economico
  • Programmazione di incontri con esperti in previsione di convegni sui vari obiettivi del Tema.
  • Analisi/elaborazione creativa ed innovativa al femminile del patrimonio artistico, paesaggistico, letterario, teatrale, giornalistico, scientifico e del Web (Stimolare in tale processo le socie più giovani con corsi, premi e borse di studio).
  • Analisi della capacità innovativa di pratiche di marketing e sviluppo d’impresa
  • Coinvolgimento delle socie senior, colmando il divario al Digital Divide delle tecnologie informatiche, per valorizzare la capitalizzazione di esperienze precedenti.
  • Promozione di un continuo impegno innovativo, creativo in ogni campo conoscitivo e fattivo che possa favorire nuove forme di libertà e una rinnovata etica.
  • Utilizzazione di tutti i nostri canali di comunicazione, le intese e gli accordi sottoscritti con le istituzioni locali ed internazionali per raggiungere alcuni scopi prefissi

Progetti 

Sottopongo alla vostra attenzione e condivisione alcune progettualità che ben si inseriscono nella trattazione del Tema Nazionale :

–“Donne e poesia per una cultura di pace” proposta della Sezione di Modoetia, che sottolinea l’importanza della cultura della pace per combattere tensioni e violenza e per educare al rispetto e alla comprensione delle diversità tematiche che saranno promossi attraverso la poesia. Si darà voce alle poetesse, ai loro versi per contribuire alla pace, quale interesse comune;

– “Costruire insieme il futuro” della Sezione Palermo Felicissima che prevede il tutore volontario per i minori stranieri non accompagnati e seminari itineranti formativi. Interessante ed attuale la figura del tutore volontario che esprime una nuova forma di tutela legale intesa come genitorialità sociale. Noi ci auguriamo che con il nostro apporto possiamo contribuire a costruire un mondo a misura d’uomo, inclusivo e più democratico. Il futuro dell’economia e della società in cui viviamo dipenderà dalla creatività e dalla capacità di produrre idee, conoscenza ed innovazione. Pertanto “Avanti” con nuove idee e in attesa di nuove proposte e progetti, che attendo con ansia, vi ricordo che sono sempre a vostra disposizione per ogni chiarimento e collaborazione. Vi ringrazio tutte per l’attenzione mostrata e per il tempo che mi dedicherete e ci dedicheremo. Vi abbraccio.

  Maria Concetta Oliveri (Vicepresidente Nazionale FIDAPA BPW ITALY)