Equal Pay Day a San Donà di Piave

Giugno 13 | Posted by SAN DONA | Attività Sezioni, Equal Pay Day, Tema Internazionale Tags: , , , ,

Equal Pay Day GRUPPO Sezione di San Donà di Piave (2014_04_15 18_09_57 UTC)La Sezione di San Donà di Piave ha voluto celebrare il giorno 12 aprile la giornata della parità salariale , l’Equal Pay Day 2014, nell’ambito della manifestazione Le “Giornate dell’Arcobaleno”, così sono state chiamate le Giornate dedicate a tutte le associazioni che si occupano di volontariato sociale e culturale, per mettere in evidenza l’importanza che hanno queste forme di cittadinanza attiva. Insieme alle Associazioni del territorio il giorno 12 aprile durante le celebrazioni abbiamo presentato la Giornata della parità salariale unitamente alle attività che la Sezione ha organizzato negli anni per contribuire alla divulgazione di molti temi che interessano la società civile. Alcune socie si sono attivate per allestire il desk pubblicitario.

Un punto importante, sul quale occorre riflettere per parlare di differenze salariali, deriva da una ricerca fatta dal Centro Sintesi di Mestre, da cui emerge che materialmente la disparità salariale è il risultato di condizioni di lavoro diverse a cui uomini e donne sono sottoposti nel mondo del lavoro. La tradizionale posizione che viene a trovarsi la donna nella nostra società la costringe, quindi, a riservare meno tempo rispetto agli uomini allo sviluppo professionale. Questo è un punto di partenza sul quale bisogna riflettere. L’Italia è in forte caduta rispetto alla posizione del precedente anno. Le performance italiane subiscono particolarmente l’influenza negativa della differenza retributiva per lavori simili tra uomini e donne, dove addirittura l’Italia arriva a toccare la posizione 116 sui 134 Paesi considerati. Un altro aspetto su cui lavorare è il tasso di occupazione delle donne. Il tasso di occupazione, al di là delle prospettive di Lisbona e del nuovo programma 2020, è ancora molto basso. A parte le regioni del Nord dove i tassi di occupazione raggiungono il 50 – 52%, nel Sud si registra un tasso di occupazione molto basso che influenza e riduce automaticamente anche la media nazionale. Siamo intorno al 30%. Ciò vuol dire che le cose non stanno migliorando.

È cominciato tutto a livello europeo, in Germania,nel 2009. Negli ultimi quattro anni le Istituzioni europee, le Commissioni per le Pari opportunità e le Associazioni femminili, hanno lavorato a livello europeo, nazionale e locale per cercare di cambiare questa situazione.

Equal Pay Day Sez. San Donà di Piave (2014_04_15 18_09_57 UTC)Si può cambiare la situazione non lavorando da soli, ma grazie all’energia e alla forza delle 19 mila socie della BPW Europa, che condividono gli stessi valori e gli stessi obiettivi. C’è bisogno della collaborazione di tutte le parti sociali, del loro coinvolgimento, delle Associazioni per i diritti delle donne, delle Regioni, delle Province, delle Autorità territoriali, dei Ministeri e soprattutto delle aziende e degli imprenditori. La cosa positiva è che ci sono iniziative come l’Equal pay day in paesi come la Finlandia, la Svizzera, la Germania, l’Austria, il Belgio, l’Italia, la Spagna, l’Estonia e alcuni clubs e Federazioni che lavorano anche a Budapest, a Praga e in Turchia.

Non bisogna lavorare solo con le Associazioni, con le Commissioni per le Pari Opportunità e per i diritti delle donne. Bisogna dire alle aziende che avere più donne all’interno del proprio organico, soprattutto in posti di responsabilità e di decisione, dar loro una paga corretta e utilizzare il loro dinamismo, è positivo per l’azienda, e per il suo successo.

E’ necessario  lavorare per le giovani generazioni, far loro capire che esistono delle nuove possibilità di lavoro, delle nuove professioni da intraprendere, che è possibile arrivare a guidare un’azienda, che è possibile cambiare la mentalità delle donne e che, all’interno della propria traiettoria professionale, è possibile continuare a formarsi seguendo dei corsi di formazione continua che aprono nuove porte, che danno più possibilità per lo sviluppo della carriera. Bisogna lavorare molto sulla condivisione delle responsabilità anche all’interno delle aziende. Iniziare a pensare ad aiutare i giovani padri che vogliono sentirsi coinvolti maggiormente all’interno delle proprie famiglie, perché la condivisione delle responsabilità aiuta sia gli uomini che le donne nella propria vita professionale.(i.b.)

 

Tags: , , , ,