Un’artista FIDAPA, la pittrice Marisa Giacomin Bolzonella

Luglio 5 | Posted by NORDEST | Comunicazioni, Info Cultura Tags: ,

Nella storia della nostra associazione molte sono state le mostre di pittura organizzate per promuovere l’attività delle socie artiste. Tuttavia ogni tanto vale la pena di riproporre qualche personalità particolarmente originale e ricca di talento. E’ il caso di Marisa Bolzonella, socia della Sezione di Padova, di cui si presenta un breve curriculum

“Il seme della fede”: 50×80; acrilico su tela – 2019

 Le sue opere sono costruite con l’abbinamento di varie tecniche, dagli smalti ai colori acrilici od olio, ai collage con juta, damaschi, foglia oro e sottofondi a corpo. Poi un cambiamento improvviso nelle sue tele sono apparse figurazioni più leggibili e a volte anche iperfigurative. Tutto ciò è avvenuto perché l’artista si era prefissa di dedicarsi alla ricerca e allo studio dell’universo femminile nell’arte e nella cultura. Realizzando 30 e più opere dedicate alle pittrici e alle donne importanti del passato. “Le tele dell’artista Marisa Bolzonella sono basate sul rapporto di linee e colori che, nella loro reciproca relazione, suggeriscono gli stati d’animo e l’umana partecipazione della pittrice agli eventi del nostro tempo, riproposti in modo non figurativo ma allusivo e simbolico ed esplicitamente indicati nei titoli.   Marisa Giacomin, con raffinata sensibilità, accompagna agli smalti sottili lamine di foglia d’oro che impreziosiscono il contesto pittorico, oppure ampi frammenti di tessuti antichi, … o parti di pregiati pizzi. … Una pittura dunque che alla serietà della ricerca compositiva, perseguita negli anni, sa unire la capacità di esprimere non soltanto intense ed immediate emozioni ma anche la riflessione sulla realtà del mondo contemporaneo, nel quale Marisa Giacomin Bolzonella è attivamente coinvolta in attività di carattere sociale oltre che culturale ed artistico”. Laura Sesler.

Le opere di Marisa Giacomin Bolzonella si trovano in collezioni private e pubbliche e in Musei Italiani: Museo di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (Padova), l’istituendo Museo di Arte Contemporanea, che verrà realizzato dall’Assessorato alla Cultura della città di Padova, Museo e Collezionismo della città di Prato di Carlo Palli. Le sue opere sono collocate presso l’Archivio Monografico dell’Arte Italiana. Nel 2011 l’artista ha partecipato per 3 anni, nei Paesi Nordici: Svezia, Norvegia, Danimarca e Lapponia a numerose esposizioni nelle prestigiose Gallerie e Biblioteche Reali, con opere pittoriche sulla Divina Commedia

Il Comune di Padova, l’Assessorato alla Cultura, le ha realizzato una mostra personale alla Rinascente nel 2011, dove si è riscontrato un notevole interesse e successo. La mostra ha poi sostato nel Museo Internazionale del Vetro di Montegrotto e in altre gallerie. Alcune artiste che lei ha illustrato sono: Sofonisba Anguissola, la padovana Chiara Varotari, Artemisia Gentileschi, per giungere a quelle più vicine a noi da Rosalba Carriera ad Emma Ciardi, Natalia Goncharova, Sonia Delaunay, Lina Rosso, Tamara Lempicka, e Frida Kahlo ecc. poi, allargando la sua indagine, ha inserito scultrici, letterate, filosofe, ricercatrici, cantanti, attrici e Pie donne. Dall’esigenza di questa ricerca  l’artista,  per meglio identificare il personaggio trattato,  ha sentito la necessità di ricorrere alle tecniche moderne più avanzate. Anche in queste opere ripete le esperienze del misto tecnica, in prevalenza con acrilici e applicazioni varie. Crea delle composizioni articolate ben armonizzate, giocate spesso a campiture piatte con tonalità variabili a seconda del personaggio. Le sue opere spesso rasentano delle dimensioni metafisiche che trasportano l’osservatore compiaciuto a penetrare e capire maggiormente il dipinto.

L’artista è anche interessata all’arte pittorica sacra, dove partecipa a collettive con l’U.C.A.I. di Padova. Anche in questo ambito l’artista presenta le sue opere a volte in forma astratta concettuale, altre in forma più figurativa, mettendo in pratica tutte le sue esperienze delle varie tecniche di cui lei spesso  fa uso. A lei si affianca il marito, il pittore Alberto Bolzonella, che attualmente è presente fino al 28 luglio presso  il  Centro Culturale Altinate | San Gaetano a Padova, con la Mostra “Alberto Bolzonella. Visioni sulla Divina Commedia”. La mostra, curata da Maristella Mazzocca, propone 73 disegni eseguiti con pennino ed inchiostro di china, relativi al Purgatorio e al Paradiso danteschi. 

 

 

Tags: ,